News in evidenza

Aggiornato l’elenco malattie professionali per cui c’è obbligo di denuncia

aggiornamento-malattie-denuncia

In data 12 settembre 2014 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n°212 il Decreto del Ministero del Lavoro del 10 giugno 2014 circa l’Approvazione dell’aggiornamento dell’elenco delle malattie per le quali è obbligatoria la denuncia ai sensi e per gli effetti dell’art. 139 del testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965 n. 1124. In particolare il Decreto fa riferimento a 2 gruppi di malattie: il gruppo 6 dedicato ai “tumori professionali” e il gruppo 2 che include “malattie da agenti fisici”, con riferimento alle patologie muscolo-scheletriche.

L’aggiornamento incide inoltre sulle 3 liste:

  • Lista 1 – Malattie la cui origine lavorativa è di elevata probabilità;
  • Lista 2 – Malattie la cui origine lavorativa è di limitata probabilità;
  • Lista 3 – Malattie la cui origine lavorativa è possibile.

Ma cosa significa avere l’obbligo di denuncia? In caso il lavoratore che si ammala stia svolgendo attività lavorativa egli è obbligato a denunciare la malattia al datore di lavoro entro 15 giorni dal suo manifestarsi e a presentare allo stesso il primo certificato medico.

Like-FB-GLConsulting1Inoltre il medico che riconosce la malattia professionale nel proprio paziente è tenuto a denunciare il fatto alla Direzione Provinciale del Lavoro se la malattia rientra nell’elenco di riferimento. Non svolgere la denuncia alla DPL può costare al medico l’arresto fino a 4 mesi o un’ammenda da 258 a 2582 euro e i valori variano a seconda che il medico sia generico o competente.

Una volta ricevuta la denuncia e il certificato medico da parte del lavoratore il datore di lavoro è obbligato a trasmetterle entrambe all’Inail entro 5 giorni dal ricevimento del certificato, a meno anche la denuncia avvenga per via telematica (l’esonero cade in caso di esplicita richiesta dell’Inail).


[Fonti: Puntosicuro.it, Insic.it, Quotidianosicurezza.it, Inail.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


uno + diciannove =