News in evidenza

Apre la iOS Academy di Apple a Napoli: il salto di qualità dei corsi per sviluppatori di app in Italia

GLConsulting-ios-academy-napoli

Nel polo universitario Federico II, a San Giovanni a Teduccio (Napoli) è stata realizzata la prima scuola per sviluppatori Apple di tutta Europa. Ed è proprio lì che, lo scorso giovedì 6 ottobre, i primi 100 studenti che hanno superato le selezioni, hanno iniziato i corsi per diventare sviluppatori di applicazioni e software sul sistema operativo iOS di Apple.

I futuri sviluppatori di Apple si formano a Napoli

Una vera e propria iOS Academy, caldamente voluta dal governo e sostenuta dalle istituzioni locali, che formerà diverse centinaia di studenti per entrare a far parte del mondo di Apple e delle app (che ha creato 1,2 milioni i posti di lavoro in tutta Europa). Nel giorno dell’inaugurazione, il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha affermato che “Il governo crede in questo luogo, lo ha già dimostrato e continuerà a farlo”. In effetti, ben 100 milioni di euro sono già stati investiti in questo progetto e un budget di altri 30 (di cui 7 destinati alle borse di studio) è già stato previsto per espanderlo.

Anche Renzi ha mostrato il proprio entusiasmo con un tweet molto positivo:
“Parte l’Academy di Apple, come promesso con Tim Cook. Napoli ha tanto futuro davanti. Se riparte il sud, riparte l’Italia”

Una struttura da sogno e prospettive rosee

Parliamo di una struttura con i controfiocchi, con laboratori, accesso a hardware e software Apple di ultimissima generazione, corsi sulla creazione di start up e sulla progettazione di app che, un domani, potrebbero arrivare sull’Apple Store.

Like-FB-GLConsulting2bisLa vicepresidente di Apple Lisa Jackson, responsabile dell’Ambiente, della Policy e delle Iniziative Sociali, inoltre, promette un impegno ancora maggiore nei confronti del sud Italia: “Questo Paese ha una lunga storia di innovazione, imprenditorialità e design di qualità che ci fa sentire a casa – spiega – per questo sono felice di ricordare che, oltre all’Academy, il nostro programma iOS Foundation è in contatto con altre cinque università campane e offrirà un corso di programmazione a 800 studenti solo nel primo anno”.

Una corsa contro il tempo

I lavori per dar vita alla iOS Academy fanno parte di un progetto interessante e ambizioso, che vuole portare innovazione, cultura e un futuro luminoso in una regione d’Italia generalmente presa di mira dagli scettici. E, in effetti, il progetto non è stato semplice, seppur rapidissimo: gli incontri tra il Governo e Apple sono iniziati a gennaio, la sede definitiva è stata individuata a maggio, mentre i lavori sono iniziati quattro mesi fa. Al momento, tra i 200 studenti selezionati, 151 sono campani e i rimanenti si suddividono tra undici regioni italiane, Olanda, Turchia, Lettonia e Madagascar.

Come funzionerà il rapporto Apple-Italia?

Per il momento, il contrasto maggiore l’ha individuato il quotidiano britannico Guardian, i cui giornalisti si sono intrufolati tra le aule per esplorare l’Accademia e farsi un’idea della struttura. Accolti a braccia aperte dal personale dell’Università, i reporter si sono poi scontrati con Apple, che non ha gradito la visita pre-inaugurazione sottolineando l’immenso contrasto tra due culture sì diverse ma, a quanto pare, vincenti insieme!

[Fonti: Corriere.it, Repubblica.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


uno + 12 =