News in evidenza

Consigli alle aziende per la riduzione del rischio di incidenti stradali

sicurezza-auto-lavoro

Si sa, il rischio di incidenti alla guida purtroppo è consistente nella vita di tutti i giorni e va da sé che lo sia anche mentre si lavora. Decine di professioni, infatti, richiedono al lavoratore di affrontare viaggi in auto, in moto o alla guida di mezzi pesanti. Ecco perché la riduzione dei rischi alla guida è una tematica importante e delicata.

Ce lo ricorda Michele Montresor, tecnico della Prevenzione dell’ASL della Provincia di Mantova che, nell’intervista con Puntosicuro.it si sofferma proprio sull’ “Analisi delle circostanze e proposte operative per la riduzione degli infortuni stradali in occasione di lavoro ed in itinere”. Montresor propone una serie di consigli per ridurre il rischio stradale, derivati dalla propria esperienza, dal programma regionale della rete Workplace Health Promotion e da alcuni interventi del convegno tenutosi a Mantova lo scorso novembre.

Come ridurre il rischio stradale

Ecco i consigli proposti per le aziende i cui dipendenti affrontano tragitti in automobile:

  1. Adottare una serie di dispositivi che riducano il rischio di incidenti mentre si guida, tra cui un satellitare che rilevi le coordinate GPS del mezzo, specchietti retrovisori panoramici per coprire i punti ciechi e dispositivi per evitare colpi di sonno;
  2. Utilizzare navette o biciclette aziendali per coprire i tragitti tra sedi dislocati;
  3. Prevedere una corretta e periodica gestione del parco di veicoli aziendali che includa una manutenzione programmata, la sostituzione di pneumatici termici, regolamenti aziendali che consentano di monitorare lo stato di funzionamento e usura dei veicoli e una check-list per gli utilizzatori e i manutentori;
  4. Istituire una serie di interventi quali: l’adozione di misure formative per gli operatori che utilizzano gli autoveicoli, l’adozione delle metodologia WHP ed il rispetto del Regolamento CE 561/2006 sulle pause di riposo;
  5. Introdurre corsi di guida sicura (su neve, su strada bagnata, su ghiaccio, ecc.);
  6. Rinnovare o sostituire integralmente i veicoli sulla base di criteri di affidabilità e consumo (e non di costo), eventualmente affidandosi all’adozione di un parco veicoli con “service” in leasing;
  7. Adottare sistemi di comunicazione specifica mediante chiamata diretta vocale o vivavoce e vietare l’utilizzo di cellulari o smartphone al volante;
  8. Aggiornare periodicamente il personale ex art. 37 del Decreto Legislativo 81/08 tenendo conto del rischio stradale e formando i diretti interessati mediante video, esperienze personali, discussioni, lezioni, ecc.
  9. Prevedere una sorveglianza sanitaria mirata su: alimentazione sana, assunzione di alcool e stupefacenti, affaticamento fisico e mentale, esposizione alla OSAS, eventuale riduzione o compromissione della vista, dipendenza da fumo (che può costituire una distrazione alla guida), valutazione dello stress da lavoro;
  10. Organizzare e saper gestire una variazione di orari, consegne, turni e tempi di riposo;
  11. Assegnare ai dipendenti premi per comportamenti adeguati e volti alla sicurezza, così come Like-FB-GLConsulting2bissanzioni per comportamenti inappropriati;
  12. Schedulare controlli interni su: tempi di guida e di riposo, rispetto del Codice della Strada, sanzioni derivate da infrazioni di tale codice, incidenti sia modesti che gravi, stress sui mezzi legato a una guida scorretta;
  13. Introdurre convenzioni o incentivi in tema di sicurezza stradale: utilizzo di occhiali adeguati alla vista, sostituzione di pneumatici invernali, utilizzo del casco sia in moto che in bicicletta, adozione di seggiolini per auto, paraschiena o tute protettive in moto;
  14. Incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici con sconti sui biglietti o sugli abbonamenti, favorendo una mobilità sostenibile;
  15. Partecipare a interventi per il miglioramento della sicurezza stradale in prossimità dei luoghi di lavoro.

Non tutti questi consigli possono essere adottati o implementati con semplicità, ma l’osservanza di queste regole è indubbiamente un punto di partenza per evitare incidenti al volante durante l’orario di lavoro.

[Fonte: Puntosicuro.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


due × due =