News in evidenza

Cos’è la web analysis?

web-analysis1

La parola ci dice fin da subito che parliamo di una analisi che riguarda il web, ma per capire meglio di cosa si tratta facciamo un esempio:

Se un medico vi prescrivesse delle pillole per stare meglio, gli fareste queste domande?

  • Che pillola è?
  • Quale problema mi risolve?
  • In quanto tempo starò meglio?
  • Quanto costano?
  • Ha controindicazioni?
  • Dovrò prendere di conseguenza altre pillole?

La web analysis possiamo paragonarla al medico competente che ci aiuta a trovare tutte le risposte e che ci supporta durante la terapia per valutare i progressi e per intervenire in caso di effetti collaterali.

Se spostiamo questo esempio nell’ambito del web marketing, il contesto diventa questo:

Nel momento in cui un’azienda fa un investimento importante in ambito web, come fa a essere certo di quale sia il ritorno? Come fa a calcolare il suo ROI?

Ipotizziamo di essere un’azienda che per l’anno in corso ha messo a budget una discreta somma per:

  • Mettere on line il nuovo sito web
  • Posizionare le sue pagine in alto sui motori di ricerca tramite attività di SEO
  • Promuovere offerte spot tramite campagne ad-words
  • Inviare ai suoi clienti e prospect una newsletter settimanale con le offerte
  • Creare un contest su Facebook per coinvolgere e fidelizzare i clienti attraverso un concorso fotografico

Arrivati alla fine dell’anno sarà necessario capire se i soldi spesi hanno avuto la loro resa: bisogna essere certi che i soldi spesi abbianoo permesso di raggiungere l’obietto o al contrario bisogna capire come cambiare la strategia di web marketing perché l’investimento non ha avuto il ritorno sperato.

Come posso fare questa valutazione?

web-analysisPremessa fondamentale: l’analisi è fattibile solamente se all’inizio mi pongo degli obiettivi quantificabili decidendo cosa voglio raggiungere con quell’investimento (N clienti in più, un fatturato per cliente incrementato del 20%, una maggior notorietà del brand etc…).

Fissati questi punti certi devo avere gli strumenti per monitorare i risultati e ottenere dei dati che grazie alla web analysis potranno essere ANALIZZATI e potranno dare come risultato SODDISFATTO / NON SODDISFATTO.

Ma quali strumenti si usano per fare la web analysis?

Gli strumenti e le modalità sono molti e spesso interagiscono tra loro. Per citarne alcuni:

  • Lo strumento gratuito ANALYTICS di Google può per esempio darci molti dati su quelle che sono le visite al sito e parallelamente allo strumento Google ci sono altri N software che fanno la medesima cosa. Le informazioni che riceviamo sono relative a quante persone hanno visitato il sito, con quale parola chiave ci hanno trovato, da quale link esterno sono arrivati a noi, da quale paese ci hanno visitato, cosa hanno fatto dopo l’accesso etc…
  • Esistono software/tool per la web reputation, ossia per tenere traccia di cosa viene detto di noi sul web. Ne esistono a pagamento o gratuiti, che lavorano anche in real time e che mandano alert di avviso qualora avvenga una delle azioni che abbiamo deciso di monitorare. Per esempio potremmo programmarli dicendo loro che ogni qualvolta un utente abbini il nostro marchio a termini negativi ben identificati, ci venga inviato un alert.
  • Vanno pianificate anche le attività che consentiranno di capire cosa accade oltre il web. Se un utente arriva sul mio sito attraverso un click che mi è costato 2€, sarà importante capire se quell’utente poi mi ha contattato e se per esempio è diventato cliente. Per farlo andrà assegnato un valore agli obietti raggiunti, decidendo per esempio che l’utente che chiama per me ha valore 5€ e che l’utente che diviene cliente ha valore 100.

Gli strumenti di analisi vanno ovviamente scelti con attenzione in relazione alla tipologia di azienda tratta, alle attività che si stanno facendo e agli obiettivi che si sono pianificati.

Si tratta di avere competenza e sensibilità sui dati raccolti, per poterli relazionare e leggere nella maniera corretta. Un dato non sempre è come sembra e va letto sotto più luci per poter essere certi del feedback che ci da.

In conclusione la web analysis è lo strumento che tira le somme su quello che accade a seguito di attività e/o investimenti sul web e che funge da strumento di valutazione sull’operato svolto. E’ l’indicazione fondamentale che ci dice se abbiamo lavorato bene e se abbiamo ottimizzato l’investimento e pertanto è il punto di partenza per nuove strategie di web marketing e non solo…

Interessanti prospettive per il futuro…
E se collegassimo i dati e i calcoli che nascono dalla web analysis ai processi di business intelligence?

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


uno × cinque =