News in evidenza

Dati personali di un dipendente PA pubblicati sul sito della Regione

dati-personali-dipendenti-online

L’albo pretorio online è uno strumento pratico, utilizzato dalle pubbliche amministrazioni per divulgare avvisi e notizie di interesse pubblico e utili per i cittadini e la collettività. È però bene fare attenzione all’utilizzo che si fa di uno strumento così accessibile e condivisibile: la pubblicazione di dati personali infatti è consentita solo entro determinati termini e con particolari condizioni.

Il Garante della Privacy, a questo proposito, ha recentemente vietato alla Regione Valle d’Aosta di pubblicare sul proprio sito documenti che contengono dati personali oltre il termine previsto dalla legge [Provvedimento n. 182 del 26 marzo 2015]. Nel caso specifico, la Regione aveva messo online le informazioni relative al trasferimento di un impiegato per compatibilità ambientale. Il lavoratore ha quindi segnalato la violazione all’Autorità che ha stabilito che la pubblicazione di dati simili oltre il termine di 15 giorni costituisce una diffusione illecita di dati personali.

Le informazioni pubblicate in questo caso risultano inoltre eccessive e lesive della dignità del dipendente, ossia non conformi al principio di pertinenza e di non eccedenza dettato dal Codice Privacy.

In particolare, sono stati pubblicati:

  • Nome e cognome del dipendente,
  • Valutazioni sulla professionalità e sul comportamento,
  • Motivi del trasferimento,
  • Dettagli su rapporti conflittuali,
  • Difficoltà di funzionamento dell’ufficio attribuiti alla sua presenza.

Like-FB-GLConsulting2bisOltre a proibirne la diffusione e ad imporne l’immediata eliminazione, il Garante ha anche chiarito che qualora la Regione dovesse pubblicare ulteriori documenti che contengono dati personali dovrà provvedere a previo oscuramento degli stessi. L’adozione di adeguate misure di tutela della privacy dovrà essere comunicata all’Autorità entro 180 giorni. Il Garante valuterà inoltre se applicare alla Regione una sanzione per il trattamento illecito commesso.

[Fonte: Garanteprivacy.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


4 × 3 =