News in evidenza

Google Maps aiuta a ritrovare bambini rapiti

GLConsulting-ritrovamento-bambini-google-maps GLConsulting-ritrovamento-bambini-google-maps

Ancora una volta, il web dimostra di poter essere una grande fonte di informazioni costruttive e, in questo caso, riesce a fare qualcosa di raro e meraviglioso: ricongiungere un bambino rapito con la sua famiglia. Accade in Cina, a Pechino dove nel maggio del 1990 era stato rapito un bambino di 5 anni, sottratto alla sua famiglia nel villaggio di Yaojia per essere rivenduto ad una coppia senza figli per 600 euro.

I genitori, distrutti dal dolore, hanno distribuito manifesti e coinvolto la polizia, ma il piccolo Huang Jan era solo uno dei 10.000 bambini rapiti ogni anno nella provincia e trovarlo sembrava impossibile.

Oggi però, con internet, le cose sono cambiate e quel bambino, diventato adulto, ha deciso di indagare sulle proprie origini e di cercare la sua casa a partire da quel poco che ricordava. Ha quindi descritto se stesso e cosa indossava al momento del rapimento e ha disegnato una mappa del villaggio come lo ricordava: i ponti, la scuola e la strada. Poi ha pubblicato il tutto su un sito chiamato “Porta a casa i bimbi perduti” e si è affidato alle mani dei volontari. Dopo una complessa e lunga ricerca, Luo Gang (questo il suo nome attuale) ha ricevuto una risposta, ha cercato su Google Maps e ha riconosciuto il villaggio di quando era bambino.

Dopo 23 anni Huang Jan ha ritrovato i suoi genitori: l’evoluzione tecnologica ha permesso quello che un tempo sarebbe stato impossibile e mai come in questo caso la parola ‘rete’, ‘network’ sembra calzare a pennello. Una rete in grado di connettere due persone a migliaia di chilometri e di farle trovare tra più di un miliardo di abitanti, una rete che non unisce solo per fare del gossip, per spiare o per giocare, ma ritrova chi si era smarrito.

È dunque possibile che il web, tanto criticato per aver creato una generazione di persone sole, sia in realtà anche l’unico modo per ricongiungerle?

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


4 − 2 =