News in evidenza

Guida alla Privacy nei Social Media

guida-social-privacy

Il Garante della Privacy pubblica una guida ai social dedicata alla tutela della privacy su queste piattaforme di nuova generazione: “Social Privacy, come tutelarsi nell’era dei social network”. Come anticipato durante il 4° Privacy Day Forum tenutosi esattamente un mese fa a Pisa, l’attenzione delle autorità privacy tenderà a spostarsi sempre di più sulle nuove tecnologie e sui nuovi sistemi di comunicazione online che, data la loro natura propriamente social, tendono spesso a diventare teatri pubblici di informazioni personali.

Si legge nell’introduzione della guida “Queste comunità online amplificano i rischi legati a un utilizzo improprio o fraudolento dei dati personali degli utenti, esponendoli a danni alla reputazione, a furti di identità, a veri e propri abusi”. La guida vuole quindi informare sui rischi di un uso irresponsabile o spensierato di mezzi che, sempre di più, rendono noti dettagli sulla nostra vita e che, in alcuni casi, rischiano di essere sfruttati con fini illeciti.

La dignità della persona deve essere tutelata anche online e per farlo bisogna ricordare alcune regole fondamentali, tra cui ricordiamo:

  • La vita digitale si riflette su quella reale in modo diretto e inaspettato
  • Le norme che ci tutelano nella vita reale valgono anche nel web
  • Una volta pubblicati online i nostri dati non possono più essere controllati
  • Le autorità competenti possono individuare chi danneggia la reputazione di terzi
  • È importante chiedere il consenso di amici e parenti prima di diffondere informazioni su di loro

La guida contiene inoltre varie sezioni dedicate ai diversi tipi di utenti: dagli adolescenti ai genitori, a chi cerca un lavoro all’utente esperto o al professionista e pone loro diverse domande per aiutarli a individuare quei rischi cui solitamente non si pensa.

Infine, il Garante offre 10 consigli utili per evitare di subire o commettere involontariamente delle violazioni della privacy sui social e per capire in quali casi è bene aprire entrambi gli occhi o contare fino a 10 prima di pubblicare un post. Un consiglio? Non agite di impulso nel web e imparate a utilizzare al meglio i vostri social media preferiti senza però mettere a rischio la vostra dignità, pensate sempre che il pubblico di una frase postata su un social può arrivare a contare decine di migliaia di utenti e che il contenuto divulgato è praticamente impossibile da eliminare completamente una volta in rete.

Visualizza qui la guida del Garante!

[Fonte: Federprivacy]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


17 + 2 =