News in evidenza

Il 21% degli infortuni mortali sul lavoro è legato alle macchine: il Rapporto Inail e le proposte

Nel mese di novembre 2015 è stato pubblicato l’8° Rapporto sull’attività di Sorveglianza del Mercato per i prodotti rientranti nel campo di applicazione della Direttiva Macchine. Il documento presenta i principali aspetti che caratterizzano la Sorveglianza a partire dai dati della Banca Dati Inail con lo scopo di definire l’impatto dell’attività sulla sicurezza delle macchine ed il processo innovativo necessario per aumentarla.

Il Convegno ‘L’8° Rapporto Inail sulla Sorveglianza del mercato per la direttiva macchine

Nel mese di dicembre, le tematiche in questione sono state approfondite durante un convegno tenutosi a Milano e organizzato da Inail e Assolombarda con lo scopo di illustrare i risultati relativi agli accertamenti tecnici per la sicurezza delle macchine. Dai vari interventi è emerso che l’attività di sorveglianza è attualmente legata in prevalenza alle segnalazioni svolte dagli Organi di Vigilanza delle ASL, in particolar modo:

  • In seguito a casi di infortunio sul lavoro (1643 non mortali e 119 mortali)
  • In un terzo dei casi, in seguito alla normale attività di vigilanza nei luoghi di lavoro

blog-gl-consulting-sorveglianza-sicurezza-macchine

Infortuni sul lavoro legati a utensili e macchine

Ci si è inoltre soffermati sulla percentuale di infortuni mortali legati all’utilizzo di utensili, macchine, impianti e attrezzature, che oggi è identificabile nel 21% del totale. Tra questi, circa metà sono dovuti a una totale assenza o all’inadeguatezza di dispositivi di protezione e l’8% alla rimozione degli stessi, quasi a sottolinearne l’estrema importanza spesso ignorata dai lavoratori stessi.

Le tipologie di macchinari che più frequentemente sono legate ad infortuni mortali sono: macchine agricole e forestali, carrelli Like-FB-GLConsulting2bisindustriali, macchine per costruzione e piattaforme di sollevamento mentre se parliamo di infortuni non mortali si aggiungono alla lista anche macchine utensili e macchine per l’imballaggio.

Rispetto all’analisi dei macchinari, risulta confermata l’ipotesi di non conformità nell’80% dei casi, ma per circa un terzo di questi è stato anche confermato un intervento risolutivo in fase di prescrizione. Generalmente, sono coinvolte in infortuni mortali macchine non conformi nel 61% dei casi, mentre nel caso di infortuni non mortali questo valore scende al 46%.

Soluzioni per ridurre gli infortuni sul lavoro

Sicuramente sarà necessario un intervento relativamente alle procedure di sorveglianza del mercato. Attualmente, infatti, viene chiesto ai costruttori di macchine “non conformi” quali provvedimenti intendano adottare, ma la sorveglianza in seguito a queste richieste non è sufficiente. Molti costruttori non rispondono o non fanno nulla e la procedura sanzionatoria per questi casi non è ancora sufficientemente definita.

[Fonti: Inail.it, Puntosicuro.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


dodici + venti =