News in evidenza

Il certificato di malattia rilasciato dall’ospedale NON deve riportare la patologia

informazioni-sanitarie-certificati

Il Garante Privacy è intervenuto sulla delicata questione delle informazioni di salute dei pazienti ricoverati in strutture sanitarie. È infatti stata avviata un’istruttoria dell’Autorità in seguito alla segnalazione di un paziente che ha visto le proprie informazioni mediche riportate in chiaro sulle certificazioni rilasciate dal policlinico in cui si trovava.

Like-FB-GLConsulting2bisIn sostanza, in caso di ricovero, è sì necessario giustificare l’assenza dal lavoro tramite un documento prodotto dall’ospedale, ma è escluso che debbano esservi presenti dettagli circa la struttura, il timbro con la specializzazione della stessa oppure informazioni che lascino intendere lo stato di salute del dipendente.

Quella che solitamente viene rilasciata è una certificazione generica, del tutto sufficiente per il datore di lavoro e senza i dettagli della patologia, delle cure applicate o del reparto di ricovero. Nel caso del paziente che si è rivolto al Garante della Privacy, invece, sono state rese note informazioni sensibili e superflue che non dovevano essere divulgate.

L’azienda ospedaliera in questione ha quindi provveduto a stipulare una nuova modulistica che non riporta il reparto in cui il paziente è ricoverato e ha fornito al personale raccomandazioni precise a seguito di quanto disposto dall’Autorità. In merito alla gestione di informazioni che riguardano lo stato di salute dei pazienti è stato emanato nel 2005 un provvedimento che riporta le misure specifiche da adottare proprio per evitare che estranei vengano a conoscenza dello stato di salute di un paziente, anche semplicemente per correlazione tra identità e reparto assegnato.

[Fonte: Garanteprivacy.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


17 − 3 =