News in evidenza

Il cumulo giuridico per le visite mediche in ritardo e per mancata formazione

cumulo-giuridico

Con il decreto legislativo sulle semplificazioni per la gestione dei rapporti di lavoro viene aggiunto all’articolo 55 del Testo Unico D.Lgs. 81/2008 il comma 6-bis, in base al quale qualora più di 5 lavoratori non vengano sottoposti alle visite mediche entro i termini previsti oppure non ricevano adeguata formazione relativa alla sicurezza sul lavoro, l’importo totale delle sanzioni verrà calcolato infliggendo la pena prevista per il reato più grave e raddoppiandola. Se si tratta invece di un numero superiore a 10 lavoratori, tale cifra viene triplicata.

Si applica dunque in questi casi il cumulo giuridico, istituto che limita la pena -appunto- nel caso in cui vengano commessi più reati che facciano parte del “medesimo disegno criminoso”. La sanzione per il datore di lavoro che non forma i propri dipendenti o che ritarda le visite mediche viene ridotta proprio per l’analogia dei reati.

L’obiettivo è quello di ridurre il cumulo materiale dovuto all’applicazione di una sanzione per ogni singolo lavoratore. Da questa riforma vengono esclusi i piccoli lavoratori domestici a carattere straordinario e l’assistenza domiciliare ai bambini ammalati e con disabilità. Le disposizioni sulla sorveglianza sanitaria, sulla formazione e sulle attrezzature di lavoro si applicano invece per coloro che svolgono attività di volontariato in favore di svariati tipi di associazioni, come le associazioni sportive dilettantistiche, le associazioni religiose, le associazioni di promozione sociale, ecc.

Like-FB-GLConsulting2bisViene inoltre modificato l’articolo 29 comma 5 in cui sono individuati gli strumenti di supporto alla valutazione dei rischi facilitando il compito al datore di lavoro. L’Inail, in collaborazione con le Asl, metterà a disposizione del datore diversi strumenti tecnici e specialistici che consentano la riduzione dei livelli di rischio. Infine, a livello di sorveglianza sanitaria viene eliminata la visita media pre-assunzione, che viene inglobata nella visita medica preventiva.

Il Decreto prevede anche che il Comitato per l’indirizzo e la valutazione delle politiche attive e per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro venga dislocato presso il ministero della Salute. La semplificazione della sua composizione consentirà infatti di semplificare le procedure di selezione dei suoi membri, che sarà automatica.

[Fonti: Sole24ore, Wikipedia]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


17 − 9 =