News in evidenza

Il filmato che emoziona, il video aziendale e YouTube

video-virali

Con più di un miliardo di utenti unici e 6 miliardi di ore di video guardati ogni mese, YouTube dimostra la grande attrazione del pubblico verso i video che, più delle foto, ci consentono di entrare nelle vite altrui esplorando Paesi e culture diversi e di trovare testimonianze uniche di avventure, esperienze, viaggi, incontri, prodotti e molto altro ancora.

Una piattaforma su cui ascoltare l’ultimo album dell’artista preferito, su cui scoprire cosa contiene la confezione del nuovo iPhone 6 svariati mesi prima del suo rilascio in Italia, in cui osservare la qualità di un video realizzato con una GoPro. Al limite tra il mondo social e quello commerciale -che sono ormai uno lo specchio dell’altro- YouTube così come Vimeo e tutti i canali dedicati alla diffusione di contenuti video sono zone della rete che attirano innumerevoli visite. Basti pensare che ogni minuto vengono caricati su YouTube video per un totale di 100 ore.

Clicca qui per guardare gli ads di YouTube che il pubblico ha preferito nel 2013

Ecco quindi che le aziende iniziano a vedere il potenziale della realizzazione di un video aziendale che, più di molti altri mezzi, può veicolare messaggi completi e complessi e trasmettere un concetto in modo chiaro e avvincente senza chiedere al pubblico nemmeno lo sforzo di leggere.

Ma su cosa bisogna puntare durante la realizzazione di un video? Quali elementi possono davvero fare la differenza tra un video noioso e scontato e uno d’effetto? Indubbiamente il PATHOS, giocare sulla sensibilità dell’utente e coinvolgerlo emotivamente, portarlo a riflettere, catturare il 100% della sua attenzione in un crescendo di suoni e immagini che gli facciano venire la pelle d’oca.

Il video deve diventare virale: dev’essere condiviso e suscitare una reazione, divertire, scioccare, deve dire qualcosa di nuovo, divulgare contenuti in modo originale, raccontare una storia o giocare sulla vanità degli spettatori parlando di loro.Tra i 10 spot pubblicitari più guardati su YouTube nel 2013 troviamo:

  • Evian, al primo posto con 67.2 milioni di visualizzazioni della sua pubblicità “Baby & Me”, in cui uomini e donne si vedono riflessi con le loro sembianze da bambini e iniziano a ballare Clicca qui per guardare lo spot Evian
  • Dove con lo splendido video “Real Beauty Sketches” in cui chiede a diverse donne di descrivere loro stesse e la persona appena conosciuta a un ritrattista per dimostrare come la percezione di sé sia sempre più negativa rispetto a quella che gli altri hanno di noi Clicca qui per guardare lo spot Dove
  • Lo spot Microsoft “Child of the ‘90s” che gioca sull’elemento nostalgia per tenerci incollati allo schermo e condividere con gli amici un video in cui ritroviamo la nostra infanzia Clicca qui per guardare lo spot Microsoft

Un video di successo, sia che pubblicizzi un brand o un prodotto, sia che voglia comunicare un messaggio deve saper essere convincente e originale, come l’ultimo spot di Seat Pagine Gialle che ha sfruttato l’idea del colore per rendere memorabili i 45 secondi di video o la nazionale del Cile, che ha sfruttato la notorietà dell’episodio della miniera di San Josè in cui 33 minatori cileni sono rimasti imprigionati per 69 giorni per creare entusiasmo verso la propria squadra ed il proprio Paese.

Clicca qui per guardare il video del Cile!

Non a caso, sulla homepage del sito di Expo2015 siamo invitati a guardare il loro video promozionale e moltissimi grandi brand continuano ad investire sulla viralità dei prodotti audiovisivi. Lo spot The Force di Volkswagen, uno dei casi di maggiore successo degli ultimi anni, ha conquistato 1 milione di visualizzazioni il primo giorno su YouTube e ha raggiunto gli 8 milioni prima ancora di andare in TV: un chiaro segno che i media su cui investire stanno cambiando.

Clicca qui per guardare lo spot The Force di Volkswagen

PreventivoAlcuni imprenditori italiani hanno capito l’importanza dello strumento e hanno iniziato a realizzare video aziendali personalizzati. Interessato? Contattaci per saperne di più!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


uno + 1 =