News in evidenza

Il Garante Privacy interviene per la sicurezza degli Internet Exchange Point

garante-ixp-misure-sicurezza

Che cos’è un Internet Exchange Point? Parliamo di IXP quando ci riferiamo ad infrastrutture che consentono a più fornitori di servizi internet di scambiare traffico, risparmiando banda e garantendo maggiore efficienza ed affidabilità. Insomma, grazie a questo servizio la connessione tra due sistemi è più rapida, il costo del transito internet è minore e c’è una maggiore tutela in caso di perdita del collegamento. In Italia sono attivi 9 IXP nelle città di: Milano, Roma, Torino, Udine, Firenze, Bari, Padova ed Olbia.

Parliamo quindi di sistemi utilizzati in tutto il Paese, spesso anche a livello nazionale ed in cui si connettono le infrastrutture dei più grandi operatori di telecomunicazioni nazionali ed internazionali, le reti di comunicazione di molte pubbliche amministrazioni italiane e di enti di ricerca, nonché fornitori di servizi online del calibro di Google e Facebook. Va da sé che presso gli IXP circolino i dati di migliaia di persone e che la tutela delle informazioni di passaggio non possa essere ignorata.

Like-FB-GLConsulting2bisA maggior ragione, le criticità emerse durante una serie di ispezioni del Garante Privacy nel 2014, hanno portato l’autorità ad imporre l’adozione di misure di sicurezza per innalzare il livello di protezione delle reti di comunicazione. Gli IXP hanno dovuto adottare sistemi di tracciamento che prendano nota delle attività svolte dai tecnici sugli apparati così che eventuali anomalie possano essere immediatamente riconosciute e tracciate.

Inoltre, ora non è più possibile utilizzare credenziali condivise per i tecnici, ma accessi e password devono essere personali così da poter sempre individuare l’autore di ogni singolo intervento. Sistemi di alert monitorano il sistema avvisando gli addetti in caso di intrusioni o attività ostili e sistemi di sorveglianza dei locali tecnici e dei data center proteggono l’hardware e ne garantiscono l’integrità.

Il rapporto di quanto realizzato fino ad ora per tutelare i dati negli Internet Exchange Point è stato inviato dal Garante Privacy al Presidente del Consiglio, così che gli organismi che si occupano della sicurezza cibernetica del Paese possano valutarli. L’attività svolta dal Garante in questo contesto ha infine spinto il Nucleo per la sicurezza cibernetica a stendere delle linee di azione per tutelare i cittadini garantendo la sicurezza delle reti. Si tratta di un progetto non indifferente, che testimonia il crescente interesse verso la protezione dei flussi di grandi moli di dati e che fa ben sperare in un futuro in cui c’è ancora spazio per la privacy.

[Fonte: Garanteprivacy.it]

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


diciannove + otto =