News in evidenza

La responsabilità aziendale nel caso Costa Concordia

231-costa-concordia

A ormai 3 anni dalla tragedia torniamo sul caso della Costa Concordia, la nave da crociera affondata il 13 gennaio 2012 e che fece 32 vittime, decine di feriti e danni materiali enormi. Parliamo di un esempio reale e tangibile di responsabilità amministrativa aziendale, che ben dimostra il valore e l’importanza di adottare determinati modelli e procedure per tutelare gli enti in caso di reati commessi dai dipendenti. La Costa Crociere spa era infatti stata accusata per la responsabilità amministrativa dei reati commessi dal personale, tra cui: omicidio colposo plurimo e lesioni colpose plurime aggravati dall’inosservanza delle norme antinfortunistiche.

Con la sentenza del 10 aprile 2013 la pena si è poi concretizzata in una sanzione amministrativa pari ad 1 milione di euro conseguente al patteggiamento concordato dal Giudice per le Indagini Preliminari di Grosseto Valeria Montesarchio. Una soluzione definita “adeguata” dalla difesa, che ha segnato l’uscita della Costa Crociere dall’inchiesta sul naufragio della Costa Concordia.

Like-FB-GLConsulting1L’indagine è stata svolta ai sensi della legge 231 per individuare la responsabilità della spa rispetto ai reati commessi dai dipendenti e dagli incaricati. Parliamo di una tra le prime condanne nel nostro Paese in materia di reati ambientali introdotti dal D. Lgs. 121/2011 tra le fattispecie di reato ai sensi del D.lgs. 231/2001. La Costa Crociere avrebbe potuto evitare la sanzione da 1 milione di euro adottando un Modello Organizzativo idoneo e nominando un Organismo di Vigilanza.

Le conseguenze del comportamento criminoso dei dipendenti non vengono infatti attribuite all’azienda laddove siano presenti:

  • Un modello di organizzazione e gestionale idoneo che definisca procedure, figure, protocolli e che introduca un sistema disciplinare idoneo;
  • Un Organismo di Vigilanza che vigili sul funzionamento e sull’osservanza dei Modelli.

Vuoi saperne di più sul Dlgs. 231? Vuoi richiedere un preventivo per la tua azienda? Visita il nostro portale dedicato!

 

[Fonti: Ansa.it, Lastampa.it, Studiolegalefanelli.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


due × uno =