News in evidenza

Maggiore attenzione alla privacy su Facebook

privacy-facebook

Zuckerberg si pone il problema di tutelare la privacy dei propri utenti e intende farlo fornendo loro nuovi strumenti che consentono di aggiustare le impostazioni di visibilità dati con maggior precisione. Non parliamo solo di nuove regole, ma addirittura di una campagna di informazione cui fa capo una vera e propria mascotte. Il dinosauro, ormai noto come Zuckasaurus, guida gli utenti grazie ad avvisi e notifiche volti ad attirare l’attenzione dell’iscritto sulla visibilità dei propri dati personali.

Il cambio di rotta è notevole e dimostra la straordinaria forza che la questione della privacy sui social sta acquistando nel mondo del web. Fino ad oggi, il nuovo iscritto condivideva le proprie informazioni con tutti di default e doveva intervenire nelle impostazioni manualmente per modificare questo valore, oggi invece non è più così: all’inizio il nuovo utente mostrerà le proprie informazioni solo agli amici e in seguito, guidato dal dinosauro blu, potrà decidere se e come modificarle.

Per un’azienda che ha vissuto fino ad ora con l’obiettivo di raccogliere i dati dei propri utenti si tratta di una vera e propria rivoluzione, ma Mark Zuckerberg non ha voluto incorrere in rischi peggiori: l’intolleranza degli utenti verso queste mancanze di riguardo iniziava ad acquistare una visibilità preoccupante anche per un’azienda così potente. D’altra parte, quando si sente parlare di violazioni privacy, di controllo delle conversazioni e di raccolta delle informazioni personali da parte di social e APP, il pubblico –che ha sempre più facile accesso a questo tipo di notizia- comincia a preoccuparsi e a ribellarsi.

Un esempio? L’APP Telegram, che dall’acquisizione di Whatsapp da parte di Facebook ha creato un’alternativa identica al servizio di messaggistica completamente free, con un servizio gratuito di cloud storage e con una particolare attenzione alla privacy. Il mercato dei social è in rapida crescita… la tutela della privacy degli utenti non può più essere ignorata se si vuole sopravvivere alla concorrenza!

[Fonte: Corriere della Sera]

Preventivo Sei sicuro che il tuo sito rispetti la privacy degli utenti? Scrivici per un controllo e un preventivo!

 

 

Quanto è importante per te che la tua privacy sia tutelata sui social?

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


diciassette − 1 =