News in evidenza

Modernità, libertà e equità nella nuova normativa UE sul diritto d’autore

normativa eu diritto autore

È del 9 dicembre 2015 il comunicato stampa della Commissione Europea dedicato alle Norme UE sul diritto d’autore e alla loro evoluzione nell’attuale contesto digitale. È stata presentata infatti una proposta che ha l’obiettivo di allineare i contenuti online alle esigenze degli utenti svecchiando le norme europee attualmente in essere.

Norme EU sul Diritto d’Autore

Oggigiorno, se un cittadino europeo si sposta da un Paese all’altro rischia di non poter accedere a particolati contenuti come film, trasmissioni sportive, musica, e-book precedentemente acquistati nel proprio Paese e non visualizzabili all’estero.

La proposta di regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online presentata a dicembre 2015 vuole proprio evitare questi inconvenienti, abbattendo le barriere interstatali all’interno dell’Unione Europea e favorendo un accesso ai contenuti digitali più libero e svincolato.

In che senso? Ad esempio, un italiano abbonato a Netflix che va in Polonia oggi non può usufruire del proprio abbonamento per tutta la durata del viaggio solo perché in Polonia Netflix non è ancora disponibile e nonostante paghi un canone che copre anche il periodo di tempo nel quale non è fisicamente nel proprio Paese. L’obiettivo è di rendere questo accesso possibile in tutti i Paesi europei, senza problemi.

Non solo, tra i vari interventi la Commissione si propone di rivedere le norme valide in Europa per gli insegnanti che offrono corsi online o per gli utenti che caricano su pagine web foto di edifici o opere d’arte permanenti. Un’ulteriore valutazione verrà svolta per capire se sia effettivamente equa la ripartizione dei benefici derivanti dall’utilizzo di opere online: gli autori sono adeguatamente tutelati e remunerati tramite licenze?

Internet libero nell’UE

Nel primi 6 mesi di quest’anno dovremmo assistere alla nascita di una serie di nuove leggi volte proprio a rispondere alle necessità degli utenti ed emerse nel contesto di diverse consultazioni pubbliche. Sarà nel 2017, secondo il comunicato stampa, che vedremo la portabilità transfrontaliera dei contenuti online prendere forma e diventare realtà. Ebbene sì: si tratta proprio del momento in cui le tariffe di roaming dell’UE dovrebbero essere abolite.

Consentire l’accesso libero e legale a un’ampia gamma di contenuti senza rinunciare ad un’adeguata protezione e a una corretta remunerazione degli attori: queste le finalità dell’intervento della Commissione.  Come sottolinea il Commissario responsabile per l’economia e la società digitali Günther H. Oettinger:

Like-FB-GLConsulting2bis“Il regolamento proposto oggi è il primo passo di un’ambiziosa riforma. Conto sui colegislatori perché entro il 2017 la portabilità diventi una realtà per i consumatori europei, che potranno così accedere ai contenuti che preferiscono anche quando si spostano nell’UE, e senza dover pagare le tariffe di roaming, che saranno abolite entro la metà del 2017. Il nostro piano d’azione indica la strada per ulteriori riforme che saranno presentate nella prossima primavera: vogliamo per il diritto d’autore un ambiente stimolante ed equo, che premi gli investimenti nel settore creativo e in cui sia più semplice per gli europei accedere ai contenuti e utilizzarli legalmente. Anche il lavoro che stiamo svolgendo sul ruolo delle piattaforme e degli intermediari online ci aiuterà a tradurre il nostro piano in proposte concrete.

Sicurezza nel web e pirateria

In questo contesto, è tra gli obiettivi della Commissione anche una maggiore tutela di tutti gli utenti europei che effettuano acquisti online.

Non solo: è di grande importanza la lotta contro la pirateria, considerata accettabile in assenza di alternative legali da ben il 22% degli europei. Nell’arco dell’anno in corso l’obiettivo è di individuare le imprese che traggono profitto da questo mercato, bloccandone il flusso in favore di una tutela dei diritti d’autore e di una modernizzazione del quadro normativo esistente.

[Fonte: Europa.eu]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


sedici + diciotto =