News in evidenza

Modifiche per il Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza, DUVRI

modifiche-dvr

Con l’entrata in vigore del decreto del fare e della legge di conversione del 21 giugno 2013, il datore di lavoro di aziende a basso rischio di infortunio e di malattie professionali potrà astenersi dalla redazione del Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza. In alternativa, il datore potrà infatti nominare un responsabile che gestisca il coordinamento e la cooperazione con altre aziende.

Questa figura, che possiamo definire come ‘Coordinatore della sicurezza’ dovrà accertarsi che le misure di sicurezza vengano applicate correttamente e contemporaneamente gestire ed organizzare gli interventi di prevenzione dei rischi da interferenza. Questo tipo di rischi insorge in quelle particolari occasioni in cui vengono svolti due tipi differenti di attività nello stesso luogo contemporaneamente: gli addetti all’una e all’altra attività vengono quindi sottoposti ad eventuali rischi non comuni e che sono frutto della condivisione di uno spazio.

Perché il ruolo di ‘Coordinatore della sicurezza’ diventi ufficiale, però, dovremo ancora attendere un decreto del Ministero del Lavoro che stilerà un elenco delle attività a basso rischio infortunistico e delle malattie professionali. L’individuazione dell’incaricato dovrà essere segnalata nel contratto di appalto o di opera.

Rientrano tra i casi in cui non è necessario redigere il DUVRI i servizi di natura intellettuale e le forniture di attrezzature o materiali; viene meno l’obbligo di redigere il DUVRI e di nominare un responsabile in caso di lavori o servizi inferiori a 5 uomini giorno (che a grandi linee significa 5 uomini per 1 giorno o 1 uomo per 5 giorni).

 

1 Commento su Modifiche per il Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza, DUVRI

  1. n.b.: per ora al Coordinatore della Sicurezza non hanno ancora dato la nomina di supervisore della biancheria intima, ma è questione di tempo…………..
    e dei D.P.V.R. cosa ne dite? quanti sanno realmente cosa sono?
    forse se si semplificasse un po’ di più tutti cercherebbero di adeguarsi, ma, Vi rendete conto che tanti piccoli imprenditori non sanno nemmeno cos’è il DVR? (è forse il famoso acronimo per auto sportive ?????)
    molti, fatta la 626 nel 94 (e all’epoca costava uno sfracello di grana) sono convinti di essere a posto ma del rischio dei 15mila eurini, perchè non ne parlate?

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


cinque × 5 =