News in evidenza

Oggi i politici su Twitter, domani una pizza con Obama?

Twiplomacy-politici-twitter

Social e leader politici: sarebbero potuti sembrare due mondi lontani milioni di anni luce e inavvicinabili fino a poco fa, eppure uno sguardo a Twitter oggi ci farebbe cambiare decisamente idea. Proprio così, il social dei cinguettii non è utilizzato solo da star del mondo della musica, attori, stilisti e modelli, blogger, ma anche e soprattutto dai grandi nomi del mondo politico, che utilizzano la piattaforma per diffondere il proprio pensiero, le opinioni su questioni di interesse pubblico e -perchè no?- le proprie proposte in campagna elettorale.

GL-Consulting-pizza-con-ObamaSi occupa di questo tema Twiplomacy, un centro di ricerca che nasce proprio con l’obiettivo di studiare questo: i politici su Twitter. Prendiamo dunque da questa fonte autorevole tutti i dati che stiamo per mostrarvi e lo spunto per una riflessione:

Se 50 anni fa poter “parlare” a un politico commentando un suo post era cosa impensabile, cosa sarà possibile fare tra 50 anni? 

Forse mangiare una pizza allo stesso tavolo del Presidente degli Stati Uniti?

 

Perché no?! A costo di sfiorare l’assurdo lanciamo ai nostri lettori la “sfida” di immaginare l’opzione più assurda, proprio a partire dall’idea che nessuno dei nostri nonni avrebbe potuto credere possibili cose che oggi accadono migliaia di volte al giorno.

Iniziamo con il ricordare alcuni grandi momenti che sono rimasti nel “Wall of Fame” degli utenti di Twitter, come la famosissima stretta di mano tra Barack Obama e il Presidente di Cuba Raul Castro, oppure la fotografia del 2012 del Presidente Obama che abbraccia la First Lady accompagnata dal testo “Four more years.”

Screen-Shot-2015-03-20-at-10.20.45-AM

Qualche dato?

  • Ci sono più di 4.100 tra ambasciate e ambasciatori attivi su Twitter;
  • Al 24 di marzo 2015 l’86% dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite erano su Twitter;
  • Il Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama è il politico con più followers su Twitter e ne ha 57 milioni, ovvero l’equivalente della popolazione italiana;
  • Tutti i Paesi europei eccetto San Marino hanno un account ufficiale su Twitter;
  • I seguaci del Principe Salman dell’Arabia Saudita sono nettamente aumentati quando ha raddoppiato il proprio numero di followers su Twitter: un segnale che essere seguiti sul social aumenta visibilità e popolarità.

Nonostante i politici spopolino sul social, anche Papa Francesco utilizza largamente la piattaforma e ha ottenuto in breve tempo una grandissima popolarità, diventando il più influente nella classifica dei World Leaders del 2015 su Twitter. Basti pensare che un suo tweet sull’account spagnolo viene ritwittato in media 9.929 volte! Ma consideriamo che tweet che contengono eventi storici o annunci particolari raggiungono tranquillamente i 20.000 re-tweet, è questo il caso del primo tweet personale della Regina Elisabetta all’apertura di una mostra presso il Museo della Scienza.

Inoltre, le connessioni politiche su Twitter non sono solo verso i propri elettori, seguaci, ammiratori, ma si stanno intensificando notevolmente anche i collegamenti tra politici, che seguono a vicenda i propri account per potersi inviare messaggi e avere conversazioni private sul social. Ma… sono davvero loro a parlare? Raramente: infatti generalmente dietro un tweet politico c’è un vero e proprio team di esperti e professionisti di marketing e comunicazione! Ovviamente ci sono delle eccezioni, come il Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk che preferisce digitare di proprio pugno i 140 caratteri che i suoi followers leggeranno.uid_6569fd531653f2370aac7fb8034d24fa1419369231133_width_633_play_0_pos_0_gs_0_height_355

Degli account politici, 241 twittano in inglese e hanno in totale 115 milioni di followers, ma la lingua più parlata sul social dai leader mondiali è lo spagnolo: i 74 account che utilizzando questa lingua hanno infatti inviato già oltre 850 mila tweet, raccogliendo 36 milioni di seguaci. Sarà il caso di mettersi a estudiar? Diteci voi quale futuro potrebbe avere la comunicazione politica!

[Fonte: Twiplomacy.com]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


6 − 6 =