News in evidenza

Privacy Google: il colosso si adatta al modello europeo

privacy-google-garante

La privacy policy di Google si adatta alle regole della normativa europea: una grande vittoria che consentirà agli italiani di mantenere sotto controllo i propri dati sul motore di ricerca e su tutte le piattaforme che controlla: YouTube, Gmail, Google+, ecc. Ebbene sì: chi utilizzerà Google.it e tutte le pagine a lui connesse in italiano, vedrà applicate le regole della normativa europea.

Questo grande passo avanti è stato compiuto in seguito all’approvazione -da parte del Garante Privacy- di un protocollo per il Like-FB-GLConsulting2bismonitoraggio periodico del lavoro, cui Google dovrà sottoporsi. E’ fissato per il 15 gennaio 2016 infatti ad essere completamente in linea con la nostra normativa per quanto riguarda la protezione e tutela dei dati personali.

Il Garante potrà quindi controllare costantemente che Google stia effettivamente applicando la legge italiana in materia di protezione dei dati e potrà farlo anche mediante ispezioni nella sede del gigante. E per verificare che tutti stiano facendo i compiti a casa, l’Autorità potrà anche richiedere aggiornamenti trimestrali così da seguire passo passo l’evolvere della situazione.

Le attività che Google dovrà intraprendere non sono poche, perchè dovrà:

  • Adeguare le informative privacy fornite agli utenti per rendere noto l’utilizzo che verrà fatto dei loro dati;
  • Chiedere sempre il consenso prima di poter procedere con attività di profilazione;
  • Adottare le regole europee sull’uso dei cookie;
  • Migliorare la modalità di conservazione e cancellazione dei dati personali custoditi, che devono essere eliminati in tempi certi.

Verrà inoltre fatto il punto della situazione sul discorso del diritto all’oblio, che ha visto i genitori del motore di ricerca alle prese con decine di richieste in pochissimo tempo: alcune accettate e altre respinte. Insomma, in poco tempo vediamo come gli attori con cui le Autorità Privacy cambiano e si rendono sempre più potenti e potenzialmente pericolosi, ma in questo caso sembra quasi che la tigre stia diventando mansueta… vedremo tra un anno se tutti i parametri saranno stati rispettati!

[Fonte: Sole24ore.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


4 × 3 =