News in evidenza

L’associazione a delinquere transnazionale giustifica il sequestro all’ente

associazione-a-delinquere-transnazionale

Il sequestro preventivo equivalente ai danni di una società è giustificato anche dal solo reato di associazione a delinquere transnazionale, anche se i conseguenti illeciti fiscali perpetrati non sono previsti dal D. Lgs. 231/2001. La sentenza 46162/2015 del 23 Novembre ha sottolineato che il reato associativo non dipende dai reati scopo ai fini dell’applicazione della misura cautelare. La forma associativa prevede l’organizzazione di mezzi al fine di commettere delitti e prevede una maggior severità sanzionatoria.

Ecco perché la difesa dell’azienda in questione aveva contestato la sussistenza del reato associativo, sostenendo che si trattasse di singoli reati-scopo in concorso tra persone e che la responsabilità non potesse essere attribuita all’azienda. Secondo la Corte, poiché i reati tributari non fanno parte dell’elenco dei reati 231 e dato che il sequestro era stato giustificato unicamente dall’associazione a delinquere transnazionale, questa doveva essere giustificata adeguatamente ed era necessario «individuare e motivare in ordine alla sussistenza degli elementi costitutivi del reato associativo».

Like-FB-GLConsulting2bisI reati commessi da gruppi di persone in contesto transnazionale sono ampiamente stati trattati in ambito giuridico. La legge 146/2006 definisce “reato transnazionale” quello commesso da un gruppo criminale organizzato che operi in più di un Paese e che sia punito con la reclusione per un periodo minimo di 4 anni. Il reato può essere commesso in più di uno Stato, oppure può essere pianificato e diretto in uno Stato e commesso in un secondo, oppure può essere organizzato da un gruppo impegnato in attività criminali in più stati, oppure ancora commesso in uno Stato ma con effetti significativi in un altro.

La sussistenza è quindi riconosciuta dalla Corte Suprema nei casi in cui vi sia:stabilità di rapporti fra gli adepti; minimo di organizzazione senza formale definizione di ruoli; non occasionalità o estemporaneità della stessa; costituzione in vista anche di un solo reato e per il conseguimento di un vantaggio finanziario o di altro vantaggio materiale”. Al contrario, nel gruppo criminale manca la definizione dei ruoli e l’organizzazione può essere minimale. Ecco perché il gruppo criminale si trova nel mezzo tra il concorso di persone e l’associazione a delinquere.

[Fonti: Aodv231.it, Sarannomagistrati.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


1 × 5 =