News in evidenza

Truffa PostePay: riconoscerla e difendersi

stop-truffe

Le email truffa sembrano una moda destinata a non finire mai: sono sempre meno riconoscibili e cambiano ogni volta travestimento. Uno di questi, a prima vista davvero molto efficace, è quello di PostePay. La mail sembra in tutto e per tutto ufficiale: il mittente è postaitaliane@postapay.it ed l’oggetto “Avviso ai clienti PostePay”.

Chiaramente un occhio attento avrà subito notato che ci sono 2 errori nell’indirizzo email, ovvero ‘PostAitaliane’ e ‘PostApay’, ma, diciamoci la verità, quanti di noi prestano davvero così tanta attenzione in un momento di fretta e mentre leggono decine di mail? Davvero pochi!

Inoltre, come sempre, il testo del messaggio è particolarmente allarmante e trasmette un forte senso di urgenza che spinge l’ignaro utente ad agire velocemente e senza perdersi in lunghe ponderazioni. Infatti, l’avviso invita caldamente a cambiare il codice d’accesso al conto entro 48 ore dalla ricezione della mail, con minaccia di sospensione dello stesso se l’operazione non verrà svolta. Chiaramente, il tutto sembra essere svolto “per la tua sicurezza” e quindi per proteggere l’utente da eventuali minacce.

Riportiamo di seguito il corpo del testo dell’email:

Grazie ai recenti trasferimenti illegali di conti elettronici, il tuo conto PostePay è stato bloccato per la tua sicurezza. Questo è stato fatto per assicurare il tuo conto e le tue informazioni private. Come misura di sicurezza, vi consigliamo di collegarti al vostro Conto PostePay e cambiare il tuo codice di accesso. Il nostro sistema ti aiuterà rapidamente a cambiare il tuo codice di accesso. Il tuo conto non sarà sospeso in questo caso, però, se invece, 48 ore dopo aver ricevuto questo messaggio, il tuo conto non verrà confermato, ci riserviamo il diritto di sospendere la tua registrazione Poste Italiane. Poste Italiane è autorizzato a fare qualsiasi tipo di operazione affinche anticipi le fraude.

Questa mail, tuttavia, non ha nulla a che vedere con Poste Italiane e, al contrario, porta ad una truffa che ha il solo ed unico obiettivo di tracciare i vostri dati per avere accesso al vostro conto online. Scaricando l’allegato come viene suggerito di fare e inserendo la password si cadrà nella trappola fornendo le proprie credenziali agli ideatori dell’inganno. Purtroppo, questo non è il solo modo attraverso cui questi truffatori agiscono ed è sempre bene stare in guardia e controllare una volta in più i contatti da cui riceviamo le mail. Inoltre, i messaggi che invitano ad agire molto rapidamente e ad eseguire operazioni importanti tramite allegati sono sempre sospetti e meritano un’attenta analisi.

Nel caso sfortunato in cui invece siate malauguratamente caduti nella trappola, è bene denunciare il fatto alla polizia e diffondere la notizia il più possibile per evitare che capiti ad altri! Avete ricevuto email simili o avete subìto una truffa? Commentate quest’articolo e raccontateci la vostra storia!

 

AGGIORNAMENTO del 06 marzo 2015: Truffa Banco Poste!

Abbiamo recentemente ricevuto l’ennesima truffa che sfrutta il nome delle Poste Italiane per ingannare i cittadini più distratti. Parliamo di email che vengono recapitate nella propria cassetta postale online (e purtroppo non nello spam) con le quali viene richiesto di compilare un file allegato. Ovviamente qualora abbiate anche il minimo sospetto vi sconsigliamo vivamente di aprire qualsiasi allegato o link, che spesso possono portare virus.

Ma come riconoscere questo tipo di mail?

  • Verificate che il nome dell’azienda sia scritto correttamente in tutti i punti in cui è riportato. Nella nostra mail, ad esempio, compare nella banda gialla il nome “Poste Italiene” che può sfuggire facilmente ma che ci conferma che qualcosa non va;
  • Controllate la mail del mittente, nel nostro caso postepay@norther.unitec.it come potete vedere NON è sicuramente una mail ufficiale delle Poste Italiane;
  • Diffidate da chi dice di regalare soldi o da chi ve ne chiede: l’ufficialità del mittente è fondamentale per potersi fidare. Nel dubbio telefonate al numero verde di Poste Italiane 803 160 e chiedete spiegazioni!

Truffa-Poste-Italiane

6 Commenti su Truffa PostePay: riconoscerla e difendersi

  1. Tempo fa questo genere di truffe arrivava via posta “fisica” e molte persone – me inclusa – pagavano tasse, multe o canoni inesistenti. Forse il problema è che siamo così abituati a subire controlli da qualsiasi genere di Ente, che non ci insospettiamo più di tanto.

  2. sicuramente c’è ancora qualche “piffero” che ci casca
    io personalmente alla parola “post…” cancello le mail
    ci si potrebbe però rivolgere alla Polizia Postale e richiederne l’intervento

  3. Ciao laura e BAZZA, grazie per i vostri commenti! Di sicuro questo tipo di truffa si aggiorna con il passare del tempo e lo svilupparsi delle tecnologie. A mano a mano che le truffe aumentano, diventiamo più diffidenti ma purtroppo a volte la fretta ci impedisce di notare dettagli fondamentali. Il trucco è RILEGGERE 10 volte prima di fare qualsiasi cosa: se poi ci si rende conto troppo tardi sicuramente la Polizia Postale è la soluzione migliore!

  4. Attenzione diffidate da questo utente che effettua truffe con oggetti usati, si prende i soldi e non spedisce niente. (trovato su subito.it e ebayannunci.it). Questi sono i dati della poste pay **** **** **** **** intestata a ****** ******* codice fiscale ****************.

    Pubblica gli annunci su zona firenze.

    indirizzo email usato : alino__92@hotmail.italino__89@hotmail.it
    nickname : marc alozzo / ciccio

    non dà numeri di telefono motivo in piu’ per diffidare, sicuramente ****** ******* sarà felice di sapere cosa fanno con la sua postepay.

    spero di essere stato di aiuto per qualcun altro..

    !!!! CONDIVIDETE !!!!

    *Sul presente articolo sono state rimosse alcune informazioni. La policy aziendale non prevede infatti la pubblicazione di dati personali relativi a terze parti. In caso abbiate subito una truffa simile e voleste un confronto vi preghiamo di fornire il vostro indirizzo email per essere contattati direttamente dall’autore del commento. Grazie, lo Staff GL Consulting

  5. emanuela // 30/01/2015 a 11:28 // Rispondi

    ho appena scoperto che sky ha prelevato dalla mia postepay, senza il mio ordine un importo di circa 80 euro, ho disdetto li contratto con sky a settembre,, ho chiamato le poste per chiedere lo sforno dell’importo e mi è stato riposto, “è lei che ha fornito la sua carta, problemi suoi”, io ho pagato una volta con la mia postepay e loro si sono tenuti gli estremi. poste, NON TUTELA I CLIENTI, MA SOLO CHI VIENE PAGATO ANCHE SENZA LA NOSTRA AUTORIZZAZIONE. è giusto che si sappia ovunque. non prendete la postepay perche i soldi li potreste vedere volatilizzare, senza poterci fare nulla.

    • Ciao Emanuela, grazie per il tuo commento! Purtroppo non possiamo intervenire per risolvere il problema, in questo caso però ti consigliamo di contattare direttamente Sky e di chiedere spiegazioni per l’addebito. Infatti chi fornisce la carta di credito (o di debito) non è generalmente responsabile delle transazioni che avvengono. Se il nostro consiglio ti è stato utile puoi ringraziarci mettendo LIKE sulla nostra pagina Facebook dove troverai news e curiosità da tutto il mondo!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


5 + diciassette =