News in evidenza

Apple regala l’ultimo album U2 su iTunes, gli utenti si indignano

Apple-U2-privacy

Il precario confine tra generosità e intromissione diventa sempre più confuso e frastagliato, tanto che in questo caso molti sono rimasti a bocca aperta. La rivoluzionaria idea commerciale di Apple di regalare a 500 milioni di utenti iTunes l’ultimo album della band U2 Songs Of Innocence ha in realtà scatenato un polverone di polemiche inattese e che ora andranno gestite.

È proprio così, il weekend scorso tutti i possessori di un account iTunes che avevano attivato l’opzione di download automatico su iCloud si sono ritrovati gratuitamente e senza fare nulla l’ultimissimo album degli U2 nel proprio dispositivo. Un’iniziativa Apple piuttosto innovativa e che sicuramente avrebbe ottenuto un’eco non indifferente, se non altro per la modalità originale e per la gratuità del “servizio”… sicuramente i genitori del nuovo iPhone6 non avevano messo in conto una reazione così negativa.

Il gesto è infatti stato visto come una violazione della privacy: l’album è stato scaricato automaticamente senza richiedere il permesso dei proprietari dei dispositivi e molti di loro hanno percepito questa mossa commerciale come un’intrusione. Sembra inoltre che eliminare l’album non fosse così semplice e intuitivo, tanto che Apple ha dovuto creare una pagina dedicata che consenta di effettuare la procedura in modo immediato. ATTENZIONE: una volta cancellato, non sarà più possibile scaricarlo gratuitamente.

Alcuni hanno addirittura denunciato un hackeraggio sul proprio account Twitter, altri l’hanno interpretato come un problema tecnico. Di fatto però Apple può collocare file nella libreria virtuale cui attingono i nostri account se l’impostazione ‘Mostra acquisti nella nuvola’ è attivata (la trovate nelle preferenze di iTunes).

Like-FB-GLConsulting1In risposta alla reazione del pubblico, il manager della band di Bono, Guy Oseary ha dichiarato a Mashable: “(L’album) è un regalo di Apple, se a qualcuno non è piaciuto il regalo, allora dovrebbero cancellarlo… ci sono persone che saranno entusiaste di aver ricevuto un regalo. Ci sono persone a cui non importerà di avere questo regalo. Avevamo immaginato tutto questo. Nessuna sorpresa. Se a qualcuno non piace va bene, cancellatelo. Vogliamo solo condividerlo con più persone possibile. Se non lo volete e non ne avete bisogno cancellatelo.

Forte, chiaro e possiamo dire anche sensibilmente scocciato: una reazione che non si può biasimare, soprattutto perché, come lo stesso Oseary ha affermato a Billboard, questa è una strategia di marketing che punta all’innovazione e allo stravolgimento dei tradizionali canali: “il fatto che un disco possa arrivare al 7% della popolazione mondiale premendo un bottone è semplicemente enorme” ha dichiarato “[è] un’ispirazione per altra gente a fare cose innovative”. In effetti si tratta poi di 11 brani + 1 PDF per un totale di 115 MB, quindi non proprio noccioline ma nemmeno un furto sostanziale di memoria.

Forse il mondo non è pronto per queste innovazioni, forse sarebbe stato meglio condividere un link con cui solo chi voleva l’album avrebbe potuto scaricarlo.

[Fonti: Sentireascoltare.com, Mashable.com, U2.com, Lastampa.it, Repubblica.it]

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


diciassette − 10 =